Ferrovie Dismesse

presenta

la Ferrovia Ligure Orientale
(la tratta dismessa tra Genova Sturla e Genova Nervi)

Servizio fotografico a cura di Alfredo Grasso ©

Inserite (a fondo pagina) nuove foto by Henry De Santis © (upload, 2010 September, 28)

Queste sono foto, scattate dal sottoscritto, relative al tratto di linea abbandonato, a binario unico, da Genova Sturla a Genova Nervi della ferrovia ligure orientale.
Esse riguardano il primo tunnel a partire dallo scalo merci di Genova Brignole - Terralba, il "San Martino", abbandonato nei primi anni del XX° secolo a favore dell'attuale galleria che porta direttamente alla stazione odierna di Genova Sturla, su un tracciato a doppio binario.
La "linea genovese di levante" è stata aperta nel 1868 e lo spostamento a monte della tratta Sturla - Nervi è avvenuto in due fasi: da Quarto a Nervi nel 1915; da Sturla a Quarto nel 1916.
Tutte le foto di questo servizio sono state scattate il 16 settembre 2008.

Alfredo Grasso ©

Nota: cliccare sulle foto per ingrandirle in pagina dedicata (pop-up)

                             

da sinistra (photos by Alfredo Grasso ©):
Foto 01: tutto ciò che resta del portale della vecchia galleria San Martino, in località Genova Sturla, sul vecchio tracciato ferroviario Genova Brignole - Quarto dei Mille, dismesso nei primi anni del secolo XX° a favore di una linea a doppio binario più a monte;
Foto 02: dettaglio del portale della vecchia galleria San Martino. Ormai il tutto è stato consolidato per l'uso attuale come magazzino, ma si riconoscono comunque le fattezze originali... E' doveroso un ringraziamento alla ditta Virgilio Tonet;
Foto 03: all'interno della vecchia galleria San Martino: questo è il tratto meglio conservato. Essa è, come tanti altri tunnel genovesi ferroviari e non, un ex-rifugio antiaereo della 2^ Guerra Mondiale;
Foto 04: da qui in avanti c'è buio pesto e ci vorrebbero mezzi fotografici più potenti per illuminare meglio l'interno. Però immaginate una lunga ed ampia curva verso sinistra: la vecchia galleria si congiungerà, "accecata", con l'attuale tunnel San Martino, poco prima dello scalo merci di Terralba.
Si ringrazia la "ditta Virgilio Tonet" per averci concesso l'ingresso per scattare le foto (da 01 a 05).

                             

da sinistra (photos by Alfredo Grasso ©):
Foto 05: ex sede ferroviaria antistante l'imbocco del vecchio tunnel San Martino. A sinistra, il magazzino che include un tratto della vecchia galleria; a destra, in discreto stato, il vecchio casello come testimonianza di un passato ferroviario del levante cittadino, ancora non del tutto noto;
Foto 06: resti del breve viadotto che conduceva alla vecchia stazione di Sturla. A sinistra la vecchia ferrovia del levante genovese proseguiva verso Brignole attraverso la galleria San Martino; verso destra invece si dirigeva al mare per raggiungere Quarto del Mille, su una sede oggi non più rintracciabile e completamente sostituita dalla Via Aurelia;
Foto 07: il viadotto presso la vecchia stazione di Sturla. Ripresa rasoterra del manufatto, tipicamente ottocentesco sia nell'aspetto che nella struttura;
Foto 08: altra visuale del viadotto presso la vecchia stazione di Sturla. A sinistra si scorge via Sclopis, un tempo sede della vecchia ferrovia che proveniva da Brignole.

                             

da sinistra (photos by Alfredo Grasso ©):
Foto 09: come si vede da questa visuale da via Caprera (SP 1), via Sclopis è in asse col vecchio viadotto;
Foto 10: particolare del vecchio viadotto di Sturla: resti del parapetto in mattoni. Il resto del manufatto risulta prevalentemente in pietra;
Foto 15: se aguzzate la vista, al centro sullo sfondo si intravede una parte in pietra, è la cima del portale della galleria Spinola, ora in un giardino privato, dove i treni transitavano verso Quarto dei Mille fino a inizio XX° secolo;
Foto 16: portale lato levante dell' ex galleria Spinola, affiancata alla galleria attuale: in questo punto, vecchio e nuovo tracciato confluiscono entrambi nella stazione Genova Quarto dei Mille, sempre rimasta al suo posto.

                             

da sinistra (photos by Alfredo Grasso ©):
Foto 17: dettaglio del portale lato levante dell'ex galleria Spinola; cosa vi sia custodito al suo interno non si sa, ma le cancellate non sono vecchissime e neppure in pessimo stato...;
Foto 24: ormai superata Genova Quarto dei Mille e, poco prima della stazione attuale di Genova Quinto al Mare, in piena linea, lato mare, si può scorgere un breve allargamento della sede ferroviaria. Da questo punto, il vecchio tracciato della ferrovia Genova - La Spezia seguiva un percorso più a mare rispetto alla tratta attuale, fino alle porte di Nervi. La vecchia linea, in questa immagine, proseguiva tra i due condomini che si scorgono in alto sullo sfondo;
Foto 25: da Quarto dei Mille, abbandonata la sede dell'attuale tracciato, la vecchia ferrovia del levante genovese raggiunge la costa attraverso una breve galleria, della quale questo portale è l'unica vestigia. L'interno di questa autofficina è profondo una decina abbondante di metri ma è stato modificato rispetto alla sezione originale del tunnel. Siamo a Quinto al Mare, in Via Gianelli, di fronte all'ex Poligono di tiro a volo. Da qui la vecchia sede proseguiva a mare per quasi tutto il quartiere;
Foto 28: ex casello ferroviario conservato e ristrutturato, situato sulla via Aurelia quasi al confine tra i quartieri Quinto al Mare e Nervi, esattamente in Via Murcarolo. Da questo punto, proseguendo a levante, la vecchia ferrovia deviava verso l'interno raggiungendo la sede attuale subito prima del ponte sul torrente Nervi.

  TOP


NUOVE FOTO
per gentile concessione di Henry De Santis ©, giovane speleologo del Club Speleo Gianni Ribaldone di Genova Prà:
viene mostrata la parte meno accessibile dell'ex tunnel ferroviario "San Martino", facente parte della
vecchia ferrovia Genova Brignole - Genova Nervi dismessa nel 1916.
Queste foto, scattate il 15 settembre 2010, mostrano il tratto tra il magazzino della ditta Tonet, a inizio tunnel,
e le vicinanze della galleria dell'attuale linea. Il sito è stato rifugio antiaereo durante
la Seconda Guerra Mondiale e si presenta in discrete condizioni.
(un particolare ringraziamento alla ditta TONET di Genova)

         

Sopra, da sinistra:
foto 1),
il magazzino della ditta Tonet è stato appena oltrepassato e sono stati percorsi poco meno di un centinaio di metri;
foto 2), ancora un centinaio di metri e si raggiunge l'area del rifugio, al quale l'inquadratura dà le spalle: la piccola luce in fondo è l'ingresso;
foto 3), dopo uno sbarramento simile al primo si entra nel rifugio, del quale restano alcune testimonianze.

Sotto, sempre da sinistra:
foto 4),
le condizioni del tunnel sono ancora discrete, considerando un secolo di abbandono: siamo in leggera curva verso sinistra, in direzione Brignole;
foto 5), uno sbarramento in muratura ci separa dal camerone di collegamento del vecchio tunnel con l'attuale, operativo durante la costruzione del
raddoppio della linea per non interrompere il traffico ferroviario: da qui è possibile comunque sentire il passaggio dei treni;
foto 6), ingresso al magazzino della ditta Tonet, da Via Sclopis nel quartiere genovese di Sturla.

 

         

TOP