Ferrovie Dismesse - Disused Railways
Ferrovie Dismesse

Perché questo sito - Why this Website

L'esigenza di creare un sito come questo nasce da molteplici motivi: la spinta principale è nata dal fatto che, in particolare, in Italia c'è stato un periodo in cui le strade ferrate, di qualunque scartamento, venissero considerate non produttive dal punto di vista economico, sia per la mancanza di volontà da parte di coloro che erano preposti allo scopo sia per tanti altri motivi, non ultimo quello che, successivamente alla conclusione del Secondo Conflitto Mondiale, ha portato lentamente e gradualmente all'evoluzione del trasporto (di persone e cose) dal "ferro" alla "gomma".
Per di più veniva riscontrata la necessità politica ed industriale di dare "man forte" alla rinascita di quei grandi gruppi industriali che facevano degli autoveicoli il proprio "core business"
(tipo FIAT, ecc.) e si è così giunti al taglio sistematico di tutto quanto non era ritenuto più necessario: da qui incominciò ad essere usato il termine "ramo secco", principalmente per quanto riguarda il settore ferroviario, con tagli indiscriminati di tutte quelle linee che inesorabilmente venivano soppiantate dai trasporti automobilistici pubblici e privati ritenendo il servizio ferroviario obsoleto, lento, costoso ed inutile in quanto il "progresso" stava portando verso la "motorizzazione di massa".
In più, con il passare degli anni, l'automobile diventava il mezzo che consentiva di muoversi comodamente, senza vincoli ed in completa indipendenza.

Ecco brevemente, ed a grandi linee, spiegato, il perché del sito FERROVIE DISMESSE.

Un'altra ragione, certamente non secondaria, è quella che, sia il webmaster sia le persone che hanno deciso di collaborare fin dall'inizio con chi ha ideato il sito, è dettata dalla passione per tutto quanto ruota intorno al mondo dei treni e delle ferrovie: in parole povere... l'amore verso il Mondo Ferroviario nella sua totalità e con un particolare "occhio di riguardo" a quanto "c'era una volta... ed oggi non c'è più".


The need to create a site like this arises from many reasons: the main thrust was born from the fact that, in particular, in Italy there has been a period in which railways, any gauge, were considered not productive economically, both for the lack of willingness on the part of those who were responsible for purpose both for many other reasons, not least that, subsequent to the conclusion of the second world conflict, has led to the development of the transport (people and things) by the "train" to "car" slowly and gradually.
It was also found the political and industrial giving aid to the rebirth of those large industrial groups which had as its "core business" motor need (FIAT type, etc.) and it was so everything was not considered necessary to more systematic cut: from here began to be used the term "dry branch", mainly as regards the rail sector, with all those lines indiscriminate cuts that were inexorably replaced by the public and private car transport believing rail service outdated, slow, costly and unnecessary because the "progress" was leading towards the "vehicle mass".
In addition, with the passage of the years, car became the means that allowed to move comfortably, without constraints and in complete independence.

Here are briefly, and broadly speaking, explained the because of the FERROVIE DISMESSE / DISUSED RAILWAYS site.

Another reason, certainly not secondary, is that the webmaster and persons who have decided to work together since the beginning with who has designed the site, are driven by a passion for everything as revolves around the world of trains and railways: in other words... love Railways World in its entirety and with a particular "eye" as "there was once... and today there is no longer".